Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Unindustria
Login
Produzione, Logistica, Acquisti, Lean 

Produzione, Logistica, Acquisti, Lean 

Tutti i corsi

 CERCA PER TITOLO     
ADDETTI AL CONTROLLO QUALITÀ MATERIALE IN INGRESSO - 9 E 16 NOVEMBRE 2020
FINALITA' Il controllo in accettazione ha lo scopo di assicurare che i prodotti acquistati siano conformi ai requisiti dichiarati dal fornitore ed alle specifiche di acquisto. La procedura di controllo in accettazione adottata da un'azienda manifatturiera riveste un ruolo centrale e di primo piano nel processo produttivo della stessa.Il controllo in accettazione è una procedura che consiste nel pianificare, eseguire e registrare i controlli svolti sui materiali, nonché indicazioni precise sui metodi e sulle prove idonee per valutare e controllare la qualità del materiale in ingresso. Il Corso Addetti al Controllo Qualità Materiale in Ingresso si propone l'obbiettivo di fornire agli addetti al controllo della qualità delle materie in ingresso un conoscenza sui materiali, principali prove di laboratorio e introduzione alla diagnosi difetti.
CORDO IN FAD: MODELLI DI BUSINESS PER LA GESTIONE EFFICACE DEL CAMBIAMENTO, DAL 21 AGOSTO 2020
La storia ci dice che le nostre organizzazioni possono tornare più forti di prima anche dopo periodi di crisi profonda - come l'attuale emergenza COVID19 - ma la scienza ci ha dimostrato che lo potranno fare solo quelle che sapranno adattarsi prima al cambiamento e cogliere le opportunità migliori. Questa emergenza porterà sicuramente altre tensioni importanti nelle nostre Aziende, che andranno ad aggiungersi - in modo difficilmente quantificabile e prevedibile - a quelle già presenti della sostenibilità ambientale, della globalizzazione e della preponderante necessità di digitalizzazione, determinando una lotta per la sopravvivenza dagli esiti sempre più incerti in uno scenario competitivo in continua evoluzione, in quello che alla fine è un vero e proprio processo di selezione naturale, da tempo identificato dagli esperti come "Darwinismo digitale". Le Aziende che sopravviveranno in futuro saranno quelle i cui imprenditori ed i managers avranno saputo certamente da un lato gestire l'emergenza COVID attuale, ripensare il modo di lavorare all'insegna "distanziamento sociale", pianificare ed implementare adeguate politiche di "risk management" e rendere più resiliente e robusta la propria Supply Chain, ma dall'altro - soprattutto - che sono stati capaci di riflettere profondamente sul modo di competere e di stare sul mercato della propria organizzazione, e di cogliere le opportunità della digitalizzazione trovando con rapidità ed efficacia soluzioni creative per riprogettarlo in modo innovativo ed originale. Sarà sempre più necessario perciò per imprenditori e manager di successo, spostare il focus dell' innovazione dall'ambito dei prodotti e dei servizi al modo stesso in cui un'organizzazione crea e distribuisce valore ai propri clienti (il Modello di Business), per adattarsi al meglio ad uno scenario di opportunità e rischi sempre più incerto e mutevole, e dotarsi di strumenti metodologici completamente diversi, più adeguati ad affrontare le sfide future del proprio Business. La proposta formativa - centrata sull'identificazione dei bisogni dei clienti e delle spinte evolutive presenti nel proprio settore/mercato di riferimento - mira pertanto a strutturare un approccio innovativo ai Modelli di Business, fornendo da un lato un supporto metodologico all'innovazione coi fondamenti e gli strumenti del Design Thinking, una disciplina che utilizza l'approccio umano, la sensibilità e i metodi dei designer per identificare i bisogni al centro di ciò che è tecnologicamente fattibile e finanziariamente sostenibile, e dall'altro la comprensione del modo in cui le organizzazioni creano e distribuiscono valore ai propri clienti secondo il modello ideato da A. Osterwalder, consentendo perciò a chi guida un'organizzazione di delineare e testare rapidamente l'efficacia di un percorso di innovazione del proprio modello di business ai fini del miglioramento della sua competitività.
CORSO IN FAD: COSTO DI PRODOTTO E CONTABILITÀ INDUSTRIALE: COSA PUÒ CAMBIARE IN TEMPI DI EMERGENZA, DAL 4 AGOSTO 2020
Per molte aziende il costo di prodotto ha un buon grado di precisione se ci si limita alla valorizzazione dei suoi costi diretti (materia prima, lavorazioni interne ed esterne, manodopera). Lo stesso però non si può dire se il discorso viene esteso a tutti gli altri costi aziendali, anch'essi incidenti sul costo di prodotto: i cosiddetti costi indiretti (di produzione, generali, commerciali, di ricerca e sviluppo, finanziari ed altri). Obiettivo del corso è dare nozioni e soprattutto strumenti per conoscere la composizione del costo di prodotto, quindi valorizzarlo in maniera precisa e, soprattutto, completa, fino ad arrivare al costo "pieno" di prodotto. In altre parole, l'obiettivo del corso è quindi determinare non solo i costi diretti ma anche quota-parte dei costi indiretti aziendali che lo stesso assorbe. Il corso descriverà e consegnerà ai partecipanti gli strumenti necessari per determinare il margine che ogni prodotto (lotto, commessa o servizio) ha ed il suo conseguente "contributo" alla redditività aziendale. Infine, si potrà rispondere correttamente e convintamente alla domanda da un milione di dollari: "quanto margini sul prodotto X e sul prodotto Y?" Data la recente esperienza di "emergenza", il corso si pone oggi un ulteriore obiettivo: quello di analizzare come i costi aziendali (diretti e indiretti) possono mutare repentinamente, alcuni in aumento altri in diminuzione, quindi il loro conseguente impatto sul costo di prodotto e la conseguente questione di "come e se" riversare queste variazioni sul mercato. Una situazione di emergenza, può comportare la variazione di flussi, processi (e anche di spazi fisici) che possono protrarsi nel tempo, comportando la necessaria creazione e simulazione di nuovi modelli organizzativi di cui i sistemi di contabilità industriale devono tenere conto. Nel corso si farà cenno all' approccio di analisi "Risk Based Thinking", utile nella valutazione preventiva oltre che nella gestione dei rischi aziendali (di cui l'emergenza sanitaria è un esempio). Il corso prevede esercitazioni pratiche e la consegna di modelli esemplificativi di contabilità industriale; prevede inoltre la consegna di schemi per il calcolo del costo di prodotto e della relativa marginalità, utili nell'attività di preventivazione e di preparazione del listino prezzi. In merito al tema "gestione dell'emergenze" si porteranno casi ad esempio e simulazioni di variazione dei modelli standard.
CORSO IN FAD: INDUSTRIA 4.0 IN EMERGENZA, DAL 21 AGOSTO 2020
Essere pronti anche dopo la fase due dell'emergenza COVID-19, ormai imminente, è la parola d' ordine per tutte le aziende e non rischiare di arrivare impreparati. L'OMS, come del resto il Governo, stanno lavorando sulla definizione di precise regole da rispettare per permettere al motore Italia di ripartire, seppur con ritmi e modalità diverse per settori e comparti. Tra queste, è ormai assodato che verrà imposto a qualunque azienda l'obbligo di prevedere sistemi di contingentamento persone per mantenere la cosiddetta "distanza sociale" anche dopo la fase 2. Muovendo da queste considerazioni, ora come non mai il paradigma della Industria 4.0 sarà obbligata e non solo uno slogan. Industria 4.0, economia digitale, fabbrica intelligente, internet of things, sono tutte modalità per descrivere un processo in corso: la trasformazione delle modalità con le quali si fa produzione, si offrono servizi, si organizza la rete commerciale. La si chiama modello, paradigma, anche rivoluzione, ma si può affermare che è una rivoluzione annunciata ed ancora in corso di progettazione. L'impatto della su produzione e logistica è il nuovo paradigma di "sicurezza sociale". Il processo incide sulla produttività, sui modelli di business delle imprese, oltre che sulle modalità di organizzazione della produzione, e dunque sulla formazione, la qualificazione e la riorganizzazione delle attività dell'intera forza lavoro, dal manager all'operario di produzione. Obiettivo formativo principale del percorso risponde alla migliore conoscenza dei temi Industria 4.0, economia digitale, fabbrica intelligente, internet of things, al fine di ottenere capacità, modelli operativi e strumenti utili ai fini della comprensione del processo di trasformazione delle modalità con le quali si fa produzione, si offrono servizi, si organizza la rete commerciale per rispondere alle nuove esigenze di sicurezza sociale. Il percorso parte quindi dalla spiegazione generale dei concetti di base delle tecnologie abilitanti e come queste possono aiutare nel creare valore per l'azienda, per poi proseguire con l'applicazione degli strumenti 4.0 e come questi potranno essere sfruttati per incrementare l'orario di lavoro in presenza contemporanea di meno personale operativo.
CORSO IN FAD: SUPPLY CHAIN INTEGRATA: COME RIPENSARE LA SUPPLY CHAIN IN MODO SNELLO - 18 AGOSTO 2020
FINALITA' Il corso intende rileggere la supply chain aziendale secondo un approccio lean. Si enunceranno i principi della "lean transformation" da applicare alla supply chain. Si introdurrà la mappatura dello stato attuale e futuro entrando poi nella definizione dei flussi produttivi, di logistica interna , magazzino ed infine logistica esterna.
CORSO IN FAD: UN ANTI-COVID PER LA GESTIONE PROCESSI E LA SUPPLY CHAIN, DAL 28 AGOSTO 2020
Processi e Supply Chain sono i nuovi cardini di gestione del dopo crisi e sono sottoposti a diverse pressioni: domanda discontinua, risorse umane e materiali sottoposte ad incertezza, gestione del personale, fornitori in crisi e quadro normativo in continua evoluzione. Non solo COVID-19, ma più in generale, i recenti eventi destabilizzanti per la sostenibilità finanziaria e la continuità operativa delle imprese, a prima vista estremamente improbabili quali pandemie, crisi finanziarie globali, catastrofi ambientali. Dall'altro, l'esigenza di cogliere opportunità di miglioramento per diventare pro attivi e non solamente reattivi nei confronti dei rischi e criticità, capaci di valutare sempre al meglio la direzione e le decisioni da prendere, hanno sensibilizzato imprenditori e manager sulla necessità di predisporre strumenti atti a pianificare, sviluppare e migliorare continuamente la gestione del rischio. Il Pensiero basato sul rischio (risk-based thinking) è il concetto introdotto dalle norme di nuova generazione dei sistemi di gestione, come ad esempio la ISO 9001:2015. Il principio sistemico del pensiero basato sul rischio è necessario alle organizzazioni per la corretta identificazione e valutazione dei fattori di rischio e di opportunità correlata. Lo scopo dell'approccio risk-based thinking è quello di individuare e così mettere in atto delle azioni atte a ridurre gli effetti indesiderati attraverso l'identificazione dei fattori che potrebbero creare criticità nei processi. Un'organizzazione che utilizza il risk-based thinking avrà maggiori facilità di controllare il sistema di gestione per il raggiungimento degli obbiettivi pianificati perché avrà un focus ed un'attenzione maggiore dove si possono manifestare deviazioni e individuare quindi opportunità di miglioramento per minimizzare gli sprechi. Il corso ha l'obiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze teoriche e alcuni strumenti operativi per la gestione del rischio, nonché l'individuazione di opportunità come base per il miglioramento continuo. Assieme all'applicazione dei principi per il miglioramento continuo, PDCA, il Risk Based Thinking garantisce che un'organizzazione identifichi i possibili rischi impattanti sul raggiungimento degli obiettivi.
CORSO IN FADD: GESTIONE DELLO STOCK E DEL CAPITALE CIRCOLANTE SECONDO L'APPROCCIO DI LEAN TRANSFORMATION - 17 AGOSTO 2020
FINALITA' Il livello di scorta risulta essere una delle voci di costo principali, ma anche di servizio per la propria pianificazione industriale o commerciale. La pianificazione è fondamentale per la gestione e l'individuazione degli obiettivi di servizio al cliente, per l'azione di previsione e di controllo delle scorte nonché dei criteri di allocazione delle scorte. Questo obiettivo è raggiungibile solo se l'azienda è in grado di scegliere i modelli di gestione delle scorte più efficaci ed efficienti rispetto alle caratteristiche dei mercati in cui l'azienda è presente, coordinando le scelte legate alla ottimizzazione delle scorte ed alla corretta gestione della previsione delle vendite. L'approccio lean applicato alla gestione dello stock è finalizzato ad una riduzione organica dello stesso secondo modelli olistici all'interno dell'intera supply chain aziendale e del suo network.
DIFETTI DEI RIVESTIMENTI - 8 OTTOBRE 2020
FINALITA' In verniciatura industriale e nei trattamenti galvanici la presenza di difetti nei rivestimenti, i loro cedimenti e le loro alterazioni compromettono efficacia, durata e funzione decorativa dei prodotti. L'identificazione dei difetti è il primo passo per accertarne le cause e avviare la risoluzione delle problematiche che risiedono alla loro origine. Il corso fornisce ai partecipanti nozioni e informazioni sui difetti che si possono riscontrare sui rivestimenti, sulle cause e sugli interventi risolutivi.
EVOLVERE LA LOGISTICA: MAGAZZINO E TRASPORTI - 16 NOVEMBRE 2020
FINALITA' In azienda, sono assai frequenti affermazioni come: "…l'incidenza del costo della logistica è alto…", "…dobbiamo per forza avere così tante persone in magazzino?", "...il servizio dei trasporti non è efficiente...". Magazzino e trasporti sono infatti un punto critico che richiede competenze e analisi specifiche per essere risolto. Il corso illustrerà come individuare chiaramente strumenti e azioni concrete per migliorarne le performance.
FINANCE MANAGEMENT IN DYNAMICS 365 FOR FINANCE AND OPERATIONS - 26 E 27 OTTOBRE 2020
FINALITA' Dynamics 365 for Finance and Operations è il cloud aziendale di Microsoft che ti supporterà ogni giorno per gestire al meglio i processi della tua azienda in area Finance. Riduci la complessità e il rischio finanziario globale Adattati rapidamente alle mutevoli esigenze finanziarie locali e globali con un piano dei conti flessibile e guidato, basato su regole e dimensioni che consentono di gestire in modo semplice e preciso le operazioni finanziarie. Gestisci i requisiti normativi che cambiano frequentemente con un servizio di configurazione che non richiede l'uso di codice e semplifica i riepiloghi normativi e fiscali, la fatturazione elettronica e i pagamenti. Riduci al minimo i costi e ottimizza le spese in tutte le aree geografiche commerciali con l'automazione dei processi, il controllo del budget, l'analisi e la pianificazione finanziaria. Favorisci le decisioni finanziarie strategiche mediante l'utilizzo di report finanziari globali unificati in tempo reale. Unifica e automatizza i processi finanziari. Promuovi azioni e decisioni più intelligenti e rapide con le aree di lavoro basate sui ruoli che forniscono la visualizzazione incorporata dei dati interattivi di Power BI, offrendo una visione di alto livello delle principali metriche aziendali e la capacità di offrire informazioni dettagliate sulle transazioni per monitorare lo stato dell'azienda e migliorare le performance.
ISO-IEC 17025:2018 LE NOVITÀ PER LA GESTIONE DEI LABORATORI - 16 DICEMBRE 2020
FINALITA' Il 12 ottobre 2017 l'ISO (International Organization for Standardization) ha pubblicato la revisione della ISO/IEC 17025, che UNI ha tradotto nel febbraio 2018, norma che contiene i requisiti per l'accreditamento dei Sistemi di Gestione per la Qualità nei laboratori di prova e taratura. Il corso ISO-IEC 17025:2018 Le Novità per la Gestione dei Laboratori intende presentare i nuovi requisiti dei sistemi di gestione qualità nei laboratori di prova e taratura ed in particolare i seguenti temi: la nuova struttura suddivisa in 5 parti, la terminologia, l'orientamento ai processi, il risk-based thinking, il principio di imparzialità, le regole decisionali, l'uso di sistemi informatici e delle registrazioni elettroniche e altro ancora. Sarà anche l'occasione per analizzare i requisiti espressi nel Regolamento Accredia RT-08 e RT-25 Acquisire le conoscenze e gli strumenti per riesaminare e adeguare il Sistema di Gestione del proprio laboratorio di prova o taratura alla revisione della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025.
LA GESTIONE DEL RISCHIO DI FORNITURA - 18 SETTEMBRE 2020
FINALITA' La globalizzazione degli acquisti ha enormemente aumentato l'esposizione al rischio delle imprese. Il risk management da funzione specialistica è ora divenuto parte dei compiti delle funzioni coinvolte. La direzione acquisti per i suoi compiti istituzionali deve conoscere i rischi che può generare nelle sue transazioni e i metodi per eliminarli o almeno gestirli.
PREVISIONE DELLA DOMANDA E GESTIONE DELLE SCORTE - 1 E 12 OTTOBRE 2020
FINALITA' Nelle aziende le scorte assolvono la funzione di fornire un adeguato livello di servizio alla clientela e alle attività operative della produzione. Scorte elevate generano costi senza fornire un surplus di servizio all'azienda; scorte carenti frenano le attività produttive e riducono la customer satisfaction. La definizione di un giusto livello di scorte presuppone l'utilizzo di corretti metodi di previsione della domanda e coerenti sistemi di gestione delle scorte. Il corso intende fornire gli strumenti di base per eseguire l'analisi della domanda del cliente e i relativi modelli di gestione delle scorte.
PROFESSIONE BUYER - 5 E 6 OTTOBRE 2020
FINALITA' La funzione degli acquisti ha acquisito sempre più rilevanza strategica nel successo delle aziende causa anche le evoluzioni dell'economia nell'ultimo decennio. Comprare bene è la premessa per realizzare ottimi profitti e soddisfare la clientela. Il Buyer ha necessità di conoscere approfonditamente l'intero processo d'acquisto e di possedere eccellenti doti di negoziatore, per individuare i migliori fornitori sul mercato e garantire la soddisfazione dei clienti interni ed esterni, gestendo al meglio il proprio tempo e le attività
SUPPLY CHAIN MANAGEMENT IN DYNAMICS 365 FOR FINANCE AND OPERATIONS - 3 E 4 DICEMBRE 2020
FINALITA' Dynamics 365 for Finance and Operations è il cloud aziendale di Microsoft che ti supporterà ogni giorno per gestire al meglio i processi della tua azienda in area Supply Chain. Modernizza la Gestione del Warehouse Ottieni la visibilità completa end-to-end delle operazioni di warehouse e inventario per gestire efficacemente la capacità e il consumo delle materie prime e la circolazione dei prodotti finiti in tempo reale. Automatizza e ridimensiona la gestione del warehouse per ottimizzare l'utilizzo dello spazio, dalle semplici sale di stoccaggio ai centri di distribuzione. Ottieni informazioni in tempo reale sull'integrità del magazzino con analisi di magazzino pronte per l'uso di Power BI che offrono piena visibilità dell'inventario e delle operazioni di ricezione, prelievo e spedizione. Automatizza e semplifica la catena di approvvigionamento Semplifica i processi di approvvigionamento utilizzando un'unica applicazione e migliora gli ordini cliente e la consegna con stime più precise della data di consegna che tengono conto della disponibilità del materiale e dei limiti di capacità di società, siti e magazzini. Ottimizza l'evasione degli ordini e riduci i costi sincronizzando l'attività logistica per siti, magazzini e modalità di trasporto. Accelera la consegna del prodotto automatizzando il flusso di informazioni e materiali tramite le risorse e le ubicazioni. Aumenta la qualità e la soddisfazione del cliente con le funzionalità integrate di controllo qualità e identifica e risolvi rapidamente i problemi tramite le informazioni dettagliate in tempo reale e predittive.
Servizi Confindustria Bergamo S.r.l. - via Clara Maffei,3 - 24121 Bergamo - P. IVA e Reg. Imprese di BG: 00431200161